Play and learn the social economy

Cos’è Benefit Simulator

Il software Benefit Simulator è un gioco – “serio” – di simulazione d’impresa che consente di conoscere e comprendere l’intero processo di business di una piccola impresa che si ispira al modo di essere delle Benefit Corporation.

Lo scopo primario di Benefit Simulator

L’obiettivo principale di questo software è di formare:

  • Giovani imprenditori, 
  • Studenti delle scuole superiori,
  • Studenti universitari,
  • Giovani che frequentano master di economia o similari

a gestire l’impresa che aspira a diventare una B Corp e a raggiungere un successo costante negli anni che preveda una crescita equilibrata tra profitti di natura economica e profitti relativi al Bene Comune.  

Come funziona benefit Simulator

Benefit Simulator permette di monitorare costantemente l’andamento e i risultati della propria azienda avendo a disposizione strumenti quali:

  • Conto Economico,
  • Stato Patrimoniale,
  • Flusso di Cassa,
  • Bilancio del Bene Comune.

In Benefit Simulator, la realtà aziendale è presentata in una nuova ottica: quella del Bene Comune che va oltre la generica Sostenibilità Ambientale o la semplice Responsabilità Sociale di Impresa.

Chi gioca con Benefit Simulator, quindi, dovrà effettuare tutte le scelte anche per soddisfare i bisogni di:

  • Dignità
  • Solidarietà
  • Eco-sostenibilità
  • Equità sociale
  • Cogestione democratica e trasparenza

per le seguenti categorie:

  • Dipendenti e titolari
  • Clienti, prodotti, servizi, aziende partner
  • Contesto sociale, territorio, popolazione, generazioni future, altri esseri umani e natura a livello globale.

Inizia ad imparare – Richiedi la password

Insieme alla Password riceverai il manuale d’uso che contiene le regole ed i criteri di funzionamento.

Lo scopo ultimo di Benefit Simulator

è diventare un buon imprenditore del XXI secolo, protagonista di un nuovo pensiero economico che desidera creare prosperità per sé e per l’intera umanità.

L’economista Amartya Sen ha dichiarato: L’obiettivo dello sviluppo, dovrebbe essere il miglioramento della ricchezza della vita umana, invece della ricchezza dell’economia in cui gli esseri umani vivono come uno sciocco strumento.

Invece di dare priorità a unità di misura come il PIL, lo scopo di questo nuovo imprenditore dovrebbe essere quello di contribuire ad aumentare le possibilità delle persone -per esempio di essere sani responsabili e creative- in modo che possono scegliere di essere e fare cose secondo il loro valore.

L’imprenditore del XXI secolo sa bene che realizzare queste possibilità dipende dal fatto che le persone devono essere messe in grado di soddisfare i bisogni elementari della vita -adeguatamente al contesto di ogni società- che vanno dal cibo nutriente, sanità e istruzione alla sicurezza personale e a una voce politica.

Per tutto questo lui si impegna a perseguire lo scopo primario della sua impresa: il Bene Comune.

Per informazioni scrivi a: posta@ducinaltum.it