i14 Soft Skill Labs

LA GRANDE BELLEZZA

Guardare alla spontaneità della natura per attingere alla parte più profonda di noi stessi.

Eureka! La storia dell’umanità è costellata di invenzioni e balzi in avanti frutto di intuizioni creative: da Einstein che sogna di cavalcare un raggio di luce prima di elaborare la teoria della relatività, all’idea di Steve Jobs, rivoluzionaria nel mondo dei personal computer.

Così ha esordito Davide Tambone nel suo laboratorio a “i14 – Soft Skill Labs”, facendoci intraprendere un vero e proprio percorso esperienziale. Obiettivo: attingere alla parte più profonda di ciascuno di noi per portare miglioramenti concreti e misurabili nella nostra vita di tutti i giorni, professionale e non.

Leonardo ci invitava a trovare tutte le risposte nella natura. E noi a piccoli gruppi, nella natura ci siamo andati in assoluto silenzio, cercando di cogliere nei dettagli “la grande bellezza”, di guardare le cose che ci circondano con occhi nuovi, spontanei. Vuoti nella testa e pronti a osservare il mondo.

Con l’aiuto di una Polaroid abbiamo immortalato il nostro angolo preferito e al rientro in aula, ne abbiamo trovato ciascuno per sé un significato profondo, rispetto al futuro immaginato, intuito.

Divisi in coppie, la conversazione si è fatta da subito significativa e abbiamo scoperto qualcosa in più di noi, con la promessa di intraprendere un’azione concreta, piccola o grande che sia, per muoverci verso quella direzione desiderata dal nostro “saggio interiore”.

Davide Tambone non si è limitato dunque a trasferirci contenuti significativi, non ha nutrito solamente la nostra parte razionale, ma ha lavorato sui nostri “mondi invisibili”, sui nostri modelli mentali, sulle nostre coscienze.

Un piccolo assaggio di quello che secondo Rudolph Stainer sarà l’uomo del futuro. Laddove la conoscenza è già a portata di mano e di smartphone, all’uomo il compito più difficile e “nobile”: quello di immaginare, ispirare, intuire. Con un passaggio inevitabile dall’ego-sistema odierno verso un eco-sistema. Proprio come avviene in natura.

Davide Dabbicco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *