Soft Skill, il rimedio alla paura del futuro e del cambiamento.

PER LEGGERE I SEGNI DEI TEMPI.

La verità è che nessuno, oggi, sa come andrà a finire.

Della grande trasformazione in corso sia del lavoro, ma dell’economia o della società in genere, è possibile solo cogliere alcuni segni, molti di questi preoccupanti, ma non pochi entusiasmanti.

Ricorderete sicuramente l’episodio biblico dei Magi. Ebbene, il loro atteggiamento è molto interessante e direi positivo proprio per affrontare l’attuale cambiamento d’epoca.

Si trattava di individui animati dal gusto dell’avventura e della conquista? O da qualcosa d’altro? I Magi si muovono in terra incognita seguendo una stella, alla ricerca di qualcosa che porti significato alla loro realtà.

Loro sono certi di trovare risposta ed è questo che permette loro di affrontare l’ignoto: la certezza di trovare risposta alle domande della loro crisi.

I Magi, hanno visto un segno e si sono messi in movimento e non hanno apura. Da questo atteggiamento possiamo ricavare due conseguenze.

1) La prima è che è indispensabile cercare di cogliere i segni dei tempi.

Di fronte all’incertezza e alla paura la tentazione diffusa è quella di fare come lo struzzo, seppellendo la testa nella sabbia: «ciò che non vedo, non c’è!», ma questo non paga mai, bisogna imparare a cogliere i segni dei tempi. E, per i Magi, quello che stava per accadere erano uno “strano” ma “grande” segno dei tempi.

2) La seconda conseguenza è che non è possibile usare sempre vecchie soluzioni per nuovi problemi. Questo, in particolare, mi pare sia uno dei grandi limiti delle nostre imprese.

I nuovi problemi si affrontano con nuove soluzioni.

È necessario avere il coraggio di muoversi, “prendere il largo”, cercare l’oceano blu, “non avere paura” bensì avere certezze.

È questo “non aver paura” che ci fa vedere il cambiamento, la trasformazione come opportunità. I latini la chiamavano opportunitas, i greci kayros ed era uno degli appellativi del tempo: la possibilità che l’incontro con un imprevisto potesse generare un cambiamento positivo, ancorché inatteso.

A questo punto entrano in scena le cosiddette competenze non cognitive, o competenze trasversali, o ancora, competenze relazionali, che sappiamo essere centrali nello sviluppo delle nostre imprese e di chi ci lavora: giovani e meno giovani.

Le chiamano Soft Skill e stiamo parlando di flessibilità, apprendimento, lavorare in gruppo, problem solving, resilienza, creatività, virtù, umorismo e decision making, solo per citarne alcune.

Tra le virtù, ritroviamo il coraggio e l’audacia dei Magi. Ma se analizziamo il loro cammino potremmo elencare molte altre Soft Skill.

La loro rilevanza è ormai ben nota, tuttavia l’impegno a svilupparle è ancora troppo limitato.

Ma noi della Duc in Altum ci stiamo impegnando proprio in questo perché abbiamo la certezza che le nostre imprese non avranno più paura.

Roberto Lorusso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *